STORIE DI EROI DELLA COMUNITÀ <b>DURANTE LA PANDEMIA DI COVID-19</b>

STORIE DI EROI DELLA COMUNITÀ DURANTE LA PANDEMIA DI COVID-19

Durante le prime fasi della pandemia globale di COVID-19, vi abbiamo chiesto di nominare una persona, delle persone o un’organizzazione che stesse facendo la differenza nella vostra comunità. Avete risposto con questi Eroi della comunità.
07-07-2020
Heroes

About this page

NON TUTTI GLI EROIINDOSSANO MANTELLI

Poco tempo fa, quando sono iniziate le quarantene per il COVID-19, abbiamo fatto un appello per nominare una persona o un’organizzazione che meritasse un riconoscimento per aver aiutato le loro comunità. Degli eroi che hanno offerto il loro tempo e rischiato la propria salute per offrire cure straordinarie in un periodo in cui le loro comunità ne avevano più bisogno. 

Siamo rimasti colpiti dalle storie incredibili e dal lavoro disinteressato che le persone stavano facendo per fare la differenza in tutto il mondo. Mentre apprezziamo e vogliamo riconoscere tutti coloro che hanno condiviso le loro storie, abbiamo selezionato 20 eroi della comunità per mostrare la nostra gratitudine nel modo migliore che conosciamo: 1.000 USD/1.000 € di abbigliamento di sicurezza REV'IT! per coloro che ci aiutano a mantenere la sicurezza. Per queli che ci ispirano, per dire grazie.

About this page

QUESTA È UNA SELEZIONE DELLE
STORIE STRAORDINARIE CHE ABBIAMO RICEVUTO:

Article

BCT, nominata da Anthony

Wicklow, IRLANDA

Non nomino solo me stesso o un singolo individuo, ma anche BCT (Bikers Coming Through). BCT è una rete di motociclisti, alcuni in moto, altri dietro a computer, alcuni con telefoni cellulari, alcuni che creano mascherine e attrezzature DPI stampandole in 3D; tutti rispondono alle esigenze di assistenza da tutta l’Irlanda durante la pandemia COVID-19. Quando le donazioni di attrezzature DPI sono esaurite, siamo riusciti a procurarci migliaia di tulipani attraverso le case della contea, e li abbiamo tagliati e raccolti in mazzi di fiori da consegnare alle case di riposo, solo per far sapere ai residenti e al personale che le persone si prendono cura di loro.

Ho passato quasi 20 anni a lavorare nei conflitti e nei punti di crisi di tutto il mondo, e molte volte ho visto persone comuni farsi avanti, aiutare la comunità e contribuire alla ripresa. COVID-19 non è una guerra, ma i motociclisti e la rete nazionale di volontari si sono certamente mobilitati per la lotta. Faremo leva sui premi REV’IT! destinati agli eroi della comunità per contribuire alla raccolta di fondi per l’acquisto in rete di DPI e materie prime in modo sostenibile. Con ogni consegna delle attrezzature necessarie, BCT cerca di condividere un po’ di speranza e di rispetto per i lavoratori in prima linea e per i membri vulnerabili della comunità di tutta l’Irlanda.

BCT

Article

Jennifer nominata da Saf

San Francisco, California - USA

Io e Jen abbiamo fondato insieme Native Moto Adventures, un’azienda di tour in moto con l’obiettivo di mostrare i luoghi scenografici della California del Nord e di promuovere un motociclismo più diversificato. Jen è anche un ufficiale di un club di moto sportive per sole donne chiamato Curve Unit. È una delle poche donne imprenditrici nel settore motociclistico e ha la missione di ispirare più donne a guidare la moto.

Mentre aspettava con impazienza di riprendere i tour in moto dalla sua amata città di San Francisco, Jen ha dato il suo tempo e le sue capacità di guida della moto a Self-Help for the Elderly, un’associazione senza scopo di lucro che sostiene gli anziani dal 1966. Durante i mesi di marzo e aprile, ha raccolto e consegnato i pasti ai cittadini anziani del posto che non hanno potuto lasciare le loro case a causa della pandemia COVID-19. È rimasta spiazzata dalla palpabile gratitudine degli anziani che visitava, ma si è anche divertita ad avere una scusa legittima per uscire di casa e andare in moto.

Jennifer

Article

Joel nominato da Christine

Newark, California USA

Joel è l’infermiere responsabile del turno pomeridiano della contea di San Mateo, e lavora nel settore sanitario in una forma o nell’altra da circa 20 anni. In un modo o nell’altro è anche stato motociclista per gli ultimi 30 anni. Il personale infermieristico riconosce l’eccezionale lavoro che svolge per tenere a galla questo pronto soccorso. Joel infatti è stato in prima linea nel soddisfare le esigenze infermieristiche del pronto soccorso durante questa pandemia. Sebbene le politiche e le procedure amministrative siano in vigore e gli operatori sanitari debbano collaborare con le loro regole, Joel ha fatto ogni sforzo umanamente possibile per garantire la qualità e la continuità delle cure ai nostri amati pazienti. 

Nonostante tutte le politiche coinvolte, le infermiere stanno ancora facendo quello che amano fare e questo sta aiutando il grande pubblico. Non solo Joel è stato la spina dorsale nella strutturazione di un algoritmo COVID pienamente funzionante per la cura dei pazienti, ma ha anche aiutato a finanziare e ad installare due tende per pazienti sospetti di COVID-19 per le intubazioni e le aree di attesa, mantenendo i normali servizi ai pazienti ricevuti al Pronto Soccorso. I nostri cuori battono con il piano di assistenza infermieristica di Joel come piccoli soldati che proteggono tutti nel reparto di emergenza. Siamo orgogliosi di tutto quello che fa e che ha fatto per noi.

Joel

Highlights

Heroes 1

Article

Cody nominato da Luke

Edmonton, Alberta Canada

Mio fratello Cody è un designer dell’Università dell’Alberta, per la Facoltà di Medicina e Odontoiatria. Siamo un piccolo gruppo di progettisti ed educatori che lavorano per creare risorse per migliorare l’apprendimento dei futuri operatori sanitari e la comprensione dei pazienti e delle loro famiglie. Con l’inizio della COVID-19 a Edmonton, abbiamo visto la terribile necessità di dispositivi di protezione individuale (DPI). Sono stato contattato da un medico locale che cercava di esplorare le possibilità di riutilizzare i DPI per i nostri operatori sanitari locali. Nel corso delle successive due settimane, durante il nostro tempo libero abbiamo creato prototipi di più maschere e schermi facciali come backup per la maschera N95, utilizzando parti stampate in 3D, filtri per forni e tessuti.

Con la mia stampante 3D in funzione giorno e notte, abbiamo lavorato nelle successive settimane per finalizzare il progetto e ottenere l’approvazione del controllo per le infezioni. Una volta che abbiamo avuto il via libera, abbiamo inviato un appello alla comunità per aiutare. Un produttore locale è diventato partner e sede centrale, e centinaia di volontari si sono fatti avanti per creare, assemblare, consegnare, organizzare o donare all’Alberta DPI stampati in 3D. Ad oggi, abbiamo donato 13.596 paraorecchie e 1.846 schermi facciali a strutture sanitarie locali, case di cura a lungo termine e cliniche odontoiatriche. Siamo così felici di poter contribuire a fare la differenza e di far parte di una comunità che si è riunita in un momento difficile per aiutare a sostenere i veri eroi che combattono questo virus.

Cody

Article

German nominato da Mark

Port Orange, Florida USA

Il mio amico German è originario dell’Argentina ma è si è trasferito a Miami, in Florida, molti anni fa. Questo ragazzone pieno di vita e di spirito è sempre il centro della festa. La sua storia parla di come una persona possa veramente fare la differenza, non solo con le proprie azioni, ma anche ispirando gli altri ad aiutare. Dopo la realtà pandemica di COVID-19, è cominciata ad emergere la notizia che i cittadini di molti paesi sono rimasti bloccati a Miami senza residenza e senza sicurezza finanziaria. Ciò che ha attirato l’attenzione di German è stata la situazione dei suoi connazionali che sono rimasti a piedi, molti dei quali sono rimasti senza soldi, senza medicine e, in molti casi, senza un posto dove stare. 

Turbato dalla mancanza di azione da parte delle autorità federali argentine o del consolato di Miami, German è entrato in azione. Insieme al nostro affiatato gruppo motociclistico, ha organizzato consegne di cibo e di prodotti essenziali per l’igiene. Si è spinto fino ad aiutare a creare un’app e un sito web in modo che questi 2.500 argentini sfollati potessero far conoscere la loro posizione e ricevere aiuti. Quindi, a German e ai ragazzi del Clan Garage, grazie. State facendo la differenza.

German

Article

Will nominato da Kirsten

New York City, New York USA

Normalmente, Will gestisce Dapper Tours, una compagnia di tour in sidecar con sede a New York City, fondata da lui qualche anno fa. Tuttavia, da quando il COVID ha colpito, Will ha dato passaggi gratuiti alle infermiere di New York e ad altro personale medico in modo che potessero arrivare al lavoro in sicurezza. Questo è stato di grande aiuto per gli operatori sanitari, soprattutto per le donne, poiché i trasporti pubblici sono diventati irregolari e sempre più insicuri nelle ore tarde, durante le quali si spostano da e verso gli ospedali. Quando Will non dà passaggi alle infermiere, consegna DPI, disinfettanti per le mani e generi alimentari ai lavoratori essenziali, agli anziani e alle famiglie a basso reddito. 

Will ha fatto tutto questo interamente a sue spese. Usa i suoi sidecar per trasportare questi lavoratori essenziali, pagando anche la benzina, effettuando egli stesso la manutenzione delle moto e pagando di tasca propria i pedaggi e le altre spese. Quando gli ho chiesto perché non ha fatto pagare i viaggi, ha semplicemente detto che era perché è “la cosa giusta da fare”. Posso dire senza esitazione che Will è una persona meritevole di questo onore, e una persona che farebbe un ottimo uso dell’attrezzatura REV’IT!

Will

Article

Liam nominato da Katie

Paignton, Regno Unito

Mio fratello ha lavorato sodo per risparmiare abbastanza soldi e recentemente ha comprato la sua prima moto dopo averne desiderata una fin da giovane. Nonostante ora abbia tutto il tempo che poteva sperare di avere per andare in moto, a causa del fatto che la sua università ha posticipato i programmi, ha invece trascorso il suo tempo ad aiutare gli altri tramite il suo nuovo mezzo di trasporto. Mio fratello si è assunto l’impegno di essere un quasi “infermiere motociclista onorario” in cui ha assunto ogni tipo di lavoro, comprese le prescrizioni, le forniture mediche, e in generale ha aiutato la nostra nonna a rischio con ogni mezzo possibile. 

Lei non vorrebbe nient’altro che vedere la sua famiglia dopo il terribile calvario che ha passato per 4 mesi di malattia in ospedale. Credo che mio fratello meriti davvero un riconoscimento per tutto quello che ha fatto per questa famiglia e per la nostra comunità. Ne trarrebbe un enorme beneficio, poiché questa è la sua prima moto e, avendo pagato lui stesso tutto il suo equipaggiamento, questo ha creato difficoltà durante la sua permanenza all’università. So che porterebbe anche un grande sorriso sulla faccia di nostra nonna che è stata così orgogliosa di quanto ha lavorato duramente per possedere la propria moto e per il bene che ha fatto.

Liam

Article

NaDean nominato da Vicki

Everett, Washington USA

Vorrei nominare mia figlia NaDean, un paramedico e un vigile del fuoco. Lavora per il distretto dei vigili del fuoco che ha trasportato il primo paziente COVID-19 confermato negli Stati Uniti, prima che qualcuno si rendesse conto di quanto fosse virulento e prima che qualcuno capisse l’estrema domanda che i primi soccorritori avrebbero avuto per i DPI. È sempre stata disposta ad aiutare gli altri e a fare ciò che deve essere fatto. Uno dei suoi compiti da vigile del fuoco è stato quello di entrare in un bagno chimico per far uscire un ladro che si era infilato nella parte di WC nascondendosi nel serbatoio. 

Il bagno chimico era circondato da agenti di polizia con le loro pistole puntate. Mia figlia era la vigilessa del fuoco più piccola sulla scena, e quindi meglio in grado di incastrarsi sopra la tavoletta del water per prendere con una corda il ragazzo, tirandolo fuori da tutte le feci e agenti chimici. Perché questa crisi di COVID ha fatto impazzire il mondo, dice: “Andare in moto è l’unica cosa che mi fa sentire sana di mente: quando sono in sella mi sento rilassata e felice”. Credetemi, sono ben consapevole di quanto mia figlia metta a rischio la sua vita. Ma poiché è il meglio che può essere, aiuta gli altri e rimane calma, raccolta e competente in una crisi, tutto ciò è proprio quello di cui si vanta. È davvero un’eroina e sono molto orgogliosa di lei.

Nadean