Highlights

Meet our Riders

SCHIERAMENTO 2020
I PILOTI REV’IT!

Con il nuovo decennio, è ora di guardare avanti alla stagione 2020. Da un pilota ufficiale in MotoGP a svariati campioni del mondo in carica: il nostro schieramento è promettente più che mai, e siamo felici di mostrare il mix di visi conosciuti e facce nuove della squadra 2020.

Intro text

COME SI È SVILUPPATOL’AMORE DELLE GARE

Sin da quando abbiamo prodotto la nostra prima tuta in pelle nel 1997, abbiamo incoraggiato piloti in tutto il monto a testare i limiti e ad andare oltre. Allora, ispirati dal feedback che veniva da svariati campionati nazionali, e alimentati dal nostro desiderio costante di migliorare i nostri prodotti, siamo entrati nel tempio degli sport motoristici nel 2008: la MotoGP..

Product images

Álvaro Bautista
Randy de Puniet
Danilo Petrucci
Alex Rins

About this page

COSA È SUCCESSO
DAL 2008

Iniziare la nostra avventura in MotoGP con il francese Randy de Puniet ha accelerato le nostre ambizioni in maniera incredibile. Con un approccio analitico allo sviluppo, Randy ha sottolineato metodicamente miglioramenti che hanno visto le nostre tute attirare l’attenzione di molti altri piloti al top, nonostante fossimo una nuova figura nel circus. Sin da allora, il nostro è divenuto un nome ben conosciuto all’interno del paddock, conosciuto anche tra gli appassionati di track day.

Sin da quando siamo entrati nel livello al top del motociclismo il nostro scudo ha adornato le schiene di molti piloti: Álvaro Bautista, Danilo Petrucci, Alex Rins, Simone Corsi, Bradley Smith e molti altri. Alcuni piloti corrono tuttora con noi, altri non più. Ma ciascuno di loro ha lasciato un segno nella nostra voglia costante di migliorare e impressionare, in pista e su strada.

CI SIAMO
PER VINCERE

Il nostro obiettivo primario è quello di acquisire il feedback che ci viene dato dai migliori piloti al mondo, implementando la conoscenza acquisita nel processo di sviluppo di abbigliamento per appassionati del motociclismo. Tuttavia, le nostre ambizioni di sviluppo vanno mano nella mano con l’amore per il motorsport. I piloti REV’IT! hanno conquistato numerose vittorie, podi e titoli di campionato in svariate e innumerevoli discipline professionistiche negli sport motoristici.

E con una lista troppo lunga da menzionare, non intendiamo fermarci presto; anzi, in realtà stiamo aumentando il ritmo. Con una forte squadra per il 2019, tutti sono qui per rinforzare la nostra lista.

Signore e signori, siamo fieri di presentare lo schieramento dei piloti REV’IT! per il 2019!

Highlights

Intro text

MOTOGP

Intro text


DANILOPETRUCCI

Ducati Team Ufficiale

Ci sono due modi di vedere la stagione 2019 di Danilo Petrucci, si può mettere enfasi sulla prima parte della stagione o sulla seconda, ma noi preferiamo guardarla nel complessivo. E riguardando indietro può essere definita la stagione più di successo per Danilo finora. La sua prima stagione in sella a un mezzo ufficiale, un record di punteggio e infine la sua primissima vittoria in MotoGP dopo un duello diretto contro il pluricampione del mondo Marc Marquez. Quindi, com’è stato il primo anno con questo compito?

About this page

Basta scorrere nei vari canali multimediali per scoprire che ci sono state delle difficoltà. Magari è stato a causa della “maledizione di Sepang”, in cui i piloti che hanno terminato il test di Sepang il più velocemente non sono mai riusciti a diventare campioni del mondo, magari no, ma in ogni caso Danilo è partito male dopo la pausa estiva. Prima della pausa era un contendente regolare per il podio, vincitore in gara per la prima volta, e una scommessa quasi sicura per un posto tra i primi 6 al traguardo.

Sbirciata al 2020: coloro che hanno passato del tempo assieme a Danilo sapranno perché tutto questo non è una buon ragione per considerarlo inefficace. In qualità di uno dei pochi piloti a rimanere dopo l’era CRT nella MotoGP, sa ciò che sono le situazioni difficili e come voltare le carte in suo favore. È più svelto, più cattivo e più affamato di successo di quanto non lo sia mai stato. E con un credito di un anno rimasto sul suo contratto con il team ufficiale Ducati, farà di tutto per mostrare il motivo per cui è nella cortissima lista di piloti che sono riusciti a combattere contro il campione prima di salire in vetta. In ogni caso, non date Danilo per perso.

Highlights

Intro text

MOTO2

Intro text


AUGUSTO FERNÁNDEZ

TEAM MARCVDS

Augusto ha preso d’assalto la Moto2. Da pilota sostitutivo fino a diventare candidato al titolo nella sua prima stagione intera, fino a prendere il posto del campione del mondo in carica all’interno dell’efficacissimo Team MarcVDS. È impressionante, e non può essere una coincidenza…

About this page

Umile fuori pista, ma aggressivo quando chiude la visiera. Coloro che ricordano la prova di Misano nel 2019 sapranno che Augusto non lascia scampo a nessuno. Non venendo in classifica in modo tradizionale, l’ex campione della Coppa Junior europea e il vincitore della gara europea STK600 non era mai apparso sulla griglia della Moto3, ma si era schierato alle calcagna dei protagonisti della griglia sin dal primo giorno.

Il summenzionato successo è similare a quello di un altro pilota REV’IT! in MotoGP, Danilo Petrucci, che ha anche lui utilizzato l’entrata secondaria nella MotoGP venendo da un mezzo praticamente di serie. Tipicamente, queste moto arrivano con limitazioni che solamente un pilota può compensare in termini di opzioni di configurazione, che tuttavia non sono virtualmente illimitate come lo sono su un prototipo.

Se ci si sviluppa come pilota in un modo in cui si riesce a compensare per le limitazioni tecniche, arrivare all’interno di un team di successo con una conoscenza incredibile su come configurare una moto a proprio piacimento può essere una ricetta per il successo. E le tre vittorie nel 2019 sicuramente sembrano confermare questo. Inoltre, quella del 2020 sarà una stagione interessante per Augusto, per svariate ragioni.

Mentre prende il posto del campione del mondo in carica, Álex Márquez, lui ha appena iniziato a brillare ancora di più, e con la maggior parte dei contratti della MotoGP in palio per il 2021, questa stagione potrebbe essere considerata una buona audizione per conquistare il ruolo di punta degli sport motoristici. Tuttavia, questa pressione è secondaria all’obiettivo principale del 2020: premiare la fiducia del team MarcVDS puntando al titolo del Campionato del Mondo di Moto2. Rimanete sintonizzati!

Highlights

Intro text

MOTO2

Intro text


LORENZODALLA PORTA

ITALTRANS RACING TEAM

Il curriculum di Lorenzo è brillante, in quanto include un titolo di Campione Italiano, un titolo di Campione del Mondo Junior, e, aggiunto più di recente, il titolo di Campione del Mondo della Moto3 2019. Apparentemente non c’è modo di fermare Lorenzo Dalla Porta nella sua caccia di gloria, e il 2020 marcherà l’inizio dell’aggiunta di ancora più oro alla sua collezione: la sua stagione di debutto nel combattutissimo Campionato Mondiale di Moto2.

About this page

Calmo, ambizioso e realistico: se hai letto un’intervista o due con Lorenzo, queste parole non sembreranno strane in relazione allo Stallone italiano e Campione del Mondo regnante in Moto3. La stagione dell’anno scorso è stata molto consistente: con una sfilza di secondi posti dove avrebbe potuto vincere, la maggior parte delle volte perdendo per millesimi di secondo in finali al fotofinish, con il sorriso di Lorenzo pareva incollato alla sua faccia quando si celebrava ai box.

Il segreto del suo approccio calmo è divenuto sempre più evidente quando è riuscito a creare un vantaggio confortevole in campionato, compresa una prima vittoria della stagione in Germania, prima che ce la mettesse tutta per lasciare il segno durante le gare consecutive.

Una tripletta di vittorie lo ha visto conquistare il titolo in anticipo, ma allo stesso tempo, i critici hanno messo in dubbio la sua capacità di uscire in testa dopo una battaglia diretta. Lo ha anche reso un favorito per vari team nella classe intermedia, i quali volevano aggiungere del sangue reale di campione alla loro scuderia. Nel 2020 vedremo Lorenzo competere affianco al suo compagno di squadra del 2018 e buon amico Enea Bastianini, che ha vissuto nel 2019 una stagione impressionante da debuttante.

Il suo approccio? Acquisire rapidamente velocità, ridurre i tempi sul giro e migliorare la sua sicurezza per trarre il meglio da un accordo di due anni con l’Italtrans Racing Team prima di aggiungere la corona forse più brillante di tutte per il futuro: quella del Campionato del Mondo di MotoGP.

Highlights

Intro text

MOTO2

Intro text


SIMONECORSI

MV AGUSTA TEMPORARY FORWARD

Il ritorno di Simone! Il veterano nostrano, Simone Corsi, non è uno sconosciuto per REV’IT!, poiché è stato il nostro primissimo pilota in Moto2 nella stagione inaugurale della classe intermedia. Con svariati podi in quella classe, Simone potrebbe essere benissimo il pilota con più esperienza in griglia di partenza, avendo gareggiato in sella a non meno di cinque telai differenti prima di salire sul sesto nel 2020, opera del marchio motociclistico più iconico di tutti: MV Agusta..

About this page

Nella classe con motore unico, il telaio è fondamentale per fare la differenza nel campo combattutissimo. E con l’esperienza che Simone ha in sella a svariati telai, sa cosa funziona e cosa non funziona.

Questo potrebbe dimostrarsi un fattore cruciale per la MV Agusta, che nonostante passi importanti attraverso la campagna dello scorso anno, è ancora in caccia del suo primo podio sin dal suo ritorno al paddock. E forse, ancora più importante, la loro sua vittoria in GP sin dall’ultima volta nel 1976, con la vittoria della leggenda Giacono Agostini.

Riguardando al 2019, il suo attuale compagno di squadra Stefano Manzi è arrivato vicino a portare il marchio storico sul podio nel round di Valencia. Partendo dalla prima fila, ha mancato il podio per poco, finendo infine quarto. Questo significa che se il primo podio è in lizza, conoscendo Simone, questa sarà per lui una grossa motivazione, battendo il suo compagno di squadra prima di puntare ai primi tre posti attraverso la stagione.

Non siamo riusciti a resistere e fare squadra, ancora una volta, con il simpatico italiano, annoverando così tre italiani nel nostro schieramento 2020. Assicurati di tenere sott’occhio questo trio, visto che potrebbe ottenere risultati memorabili in questa stagione!

Highlights

Intro text

MOTO3

Intro text


JEREMYALCOBA

KÖMMERLING GRESINI HONDA

Un altro Campione del Mondo in carica nella scuderia REV’IT! per il 2020. Ecco il nuovo arruolato e Campione del Mondo in carica della Moto3 Junior, Jeremy “Iceman” Alcoba. Dopo un’impressionante stagione nel pool di talenti junior incredibilmente combattuto, e dopo le promettenti gare da pilota sostitutivo, Jeremy si ritrova come un valore fisso in griglia per la vincente squadra Gresini nel 2020.

About this page

Siamo noti per lavorare con un gruppo affiatato di piloti, che ci consente di avviare relazioni vere con coloro che rappresentano lo scudetto REV’IT! in pista. Questo approccio ha anche una grande enfasi nel lavorare con piloti che condividono la nostra stessa mentalità, e Jeremy non fa certo eccezione.

Il successo misto nell’affermato Team Junior Estrella Galicia lo ha visto arrivare in una squadra diversa: il team Laglisse Husqvarna. Il cambio di team non lo ha buttato giù di morale, anzi: Jeremy ha mostrato da dove il soprannome “Iceman” viene e ha affrontato la forte concorrenza prima di ripetere un’impresa che il pilota REV’IT! Lorenzo Dalla Porta aveva compiuto nel 2016, ottenendo così il titolo di Campionato del Mondo Junior per l’equipaggio Husqvarna.

Durante l’intensa avventura Junior, ha fatto tre apparizioni per il suo team 2020. Solamente al suo secondo approccio, mentre si riadattava al mezzo Honda e migliorava i tempi sulla nuova pista, Jeremy ha surclassato il suo compagno di squadra temporaneo guadagnando punti.

Assieme, il suo approccio verso un week-end di gara, la sua incredibile personalità, la sua velocità assoluta in pista, potrebbero rivelare una stagione 2020 molto interessante per la nuova recluta REV’IT!.

Highlights

Intro text

MOTO3

Intro text


FILIPSALAC

SNIPERS TEAM HONDA

Con un promettente primo anno nel Campionato del Mondo di Moto3 che è stato seguito da una campagna di successo piena di podi nella Red Bull Rookies Cup, Filip ha terminato la stagione 2019 con un buon quinto posto nel round finale a Valencia. Notato da vari top team, cambierà mezzo nel 2020 per competere affianco a uno dei protagonisti della scorsa stagione in Moto3. Certamente non è una brutta promozione per il giovane della Repubblica Ceca, che è una delle nostre new entry per il 2020.

About this page

La stagione 2019 ha avuto una curva di apprendimento ripida per Filip, che ha surclassato il suo compagno di squadra più esperto in varie occasioni e ha continuato a lottare fino alla fine svariate volte. Con i suoi occhi sul premio e dando risultati che superavano le aspettative guardando al mezzo che aveva a disposizione, è riuscito a farsi intercettare dal radar del prestigioso Team Snipers. La loro strategia di squadra è chiara: abbinare un giovane promettente a un capoclassifica per combattere per il titolo del campionato individuale, e chiaramente per il trofeo del team.

Il calmo e placato Salač sa come si lavora con questo tipo di pressione sulle sue spalle, e sicuramente cercherà di raggiungere il traguardo nel 2020 dopo il suo quinto posto a Valencia.

Con un compagno di squadra già vincitore in gara due volte, ha un utile esempio da seguire che gli permetterà di ambientarsi rapidamente e di trovare il modo per pianificare tutto per la gloria.

Highlights

World Super Bikes Logo's

Intro text


ÁLVAROBAUTISTA

HRC FACTORY HONDA

Álvaro è andato contro ogni previsione l’anno scorso quando è riuscito a sfidare sin dall’inizio il campione del WorldSBK, Jonathan Rea. Le 16 vittorie e un totale complessivo di 24 podi in sella alla nuovissima Panigale V4R erano al di là delle aspettative di chiunque, ma il finire secondo ha comunque lasciato l’amaro in bocca ad Álvaro. Sappiamo tutti come andrà a finire…

About this page

La Honda è nota per scuotere le cose, mettendo le proprie risorse al lavoro per raggiungere grandi obiettivi. E per qualche ragione, il cambio di decennio è sempre un momento speciale per il costruttore giapponese, come può essere visto quando hanno lasciato la loro RC45 V4 dopo il 1999 per dare alla star americana Colin Edwards un’arma assoluta, la RC51 bicilindrica a V. Questo diede alla Honda il titolo di Campione de Mondo 2000 al primo tentativo.

Avanzamento veloce di due decenni, e la storia si ripete. La Honda ritorna nella WorldSBK come costruttore ufficiale, portando una nuovissima Fireblade per assicurarsi che portino un’arma valida ad un duello.

E chi poteva essere un migliore pilota della rivelazione dell’anno scorso Álvaro Bautista? Il pilota REV’IT! da lungo tempo Álvaro ha subito molteplici cambiamenti con la svolta di questo decennio. Dal diventare papà di una bellissima bimba, a firmare un contratto con il più grosso costruttore di moto al mondo, a gareggiare verso il prestigioso risultato della corona della WorldSBK.

Tuttavia, una cosa rimane la stessa, in quanto si può vedere che ha dato fiducia ancora una volta a REV’IT! per la stagione 2020. Questa volta, sarà in colori HRC.

Highlights

Moto America Logo

Intro text


PJJACOBSEN

CELTIC HSBK RACING

Sono già dieci anni assieme, e il nostra collaborazione con PJ è tornata dove abbiamo iniziato all’inizio dello scorso anno: il campionato americano domestico ora noto come struttura MotoAmerica. Ambizioso più che mai, voleva nientemeno che il titolo al suo primo tentativo, e sebbene alcuni lo abbiano considerato irrealistico, ci è quasi riuscito sin da subito…

About this page

Il campionato MotoAmerica si differenzia da quello mondiale grazie a un maggior numero di variabili di quanto non sembri. Questo non ha fermato PJ dal rimanere concentrato con l’obiettivo sul premio attraverso una stagione che era iniziata lentamente a causa di cose che necessitavano di essere sistemate.

Una volta in sintonia con la moto, l’ex vice campione del mondo Supersport ha dimostrato il suo pedigree vincendo svariate volte in casa.

Inseguendo il campionato dopo essersi ambientato, PJ è andato fino in fondo quando il suo tentativo finale verso il titolo è stato fermato a causa di un incidente che ha visto i direttori di gara entrare in gioco per determinare il risultato della stagione 2019.

Questo ha dato a PJ un altro titolo di vice campione, titolo che vorrà sistemare per la stagione 2020. Di ritorno al campionato MotoAmerica, PJ correrà con il Team Celtic HSBK Racing con solo una cosa in mente: diventare il primo campione MotoAmerica Supersport del decennio. E come è facile capire, siamo stati contenti di collaborare con lui perché si incammini verso la strada della vittoria prima di sbloccare ambizioni future. Rimanete sintonizzati!

About this page

Photos PJ Jacobsen: Zach Bolena – zbfoto.com @zachbatx.moto

Highlights

REVIT_RACING


Seguite tutti i #revitriders e lasciate che vi diamo uno sguardo dietro le quinte della stagione 2020 del MotoGP!

Intro text